FAQ > Marketing

Marketing #17

Che cos’è l’employee advocacy e perché è importante?

#17 Che cos’è l’employee advocacy e perché è importante?

Employee Advocacy è una locuzione che non ha un corrispettivo credibile in italiano: la traduzione, infatti, suonerebbe all’incirca come “patrocinio del dipendente”.

Quando si parla di Employee Advocacy si sta suggerendo di far parlare il dipendente dell’azienda in cui lavora per diffondere i contenuti legati al brand: grazie a questa attività, se fatta in positivo, si verifica un effetto di rafforzamento della percezione del marchio agli occhi delle persone.

Un dipendente che parla – bene – della propria azienda e ne diffonde i messaggi è infatti uno strumento molto potente di riprova sociale, ossia quel meccanismo per cui si tende a preferire un interlocutore perché è stato scelto e validato da tante altre persone.

Una corretta Employee Advocacy deve essere spontanea ma può essere alimentata e sostenuta proattivamente dall’azienda attraverso la proposta di attività come corsi di formazione sul tema della comunicazione (e.g. per insegnare un uso consapevole dei social network) o la costruzione di una social media policy aziendale che definisca le linee guida e i limiti che è sempre meglio tenere presenti.

Quel che più conta è comunque la creazione di un ambiente di lavoro il più possibile sano, rispettoso dell’equilibrio tra vita privata e lavoro, attento al benessere dei singoli e capace di stimolare un giusto percorso di crescita delle persone impiegate in azienda.

Torna all'elenco delle F.A.Q.