FAQ > Google AdSense

Google AdSense #5

Cosa significa “venire bannati” da Google AdSense?

#5 Cosa significa “venire bannati” da Google AdSense?

AdSense è un punto di incontro tra domanda ed offerta: da una parte, editori che mettono a disposizione i propri spazi pubblicitari, dall’altra inserzionisti che vogliono promuovere un messaggio pubblicitario.

Affinchè sia gli uni che gli altri soggetti possano riporrre la propria fiducia in questo sistema e gli utenti che fruiscono della pubblicità possano avere un’esperienza di qualità, Google ha previsto delle regole.

Se ad esempio un inserzionista paga per ogni click effettuato sulla sua pubblicità e viene a scoprire che i click vengono per lo più effettuati dall’editore che ospita lo spazio pubblicitario, senza che ci sia un reale interesse verso il contenuto dell’inserzione, è abbastanza evidente che quell’inserzionista smetterà di fare pubblicità con quell’editore, alla stregua dell’inserzionista che pubblica un’inserzione su di un giornale per vendere un oggetto e riceve solo telefonate “fasulle” effettuate per conto dell’editore di quel giornale.

Per evitare questa ed altre situazioni deprecapili e per mantenere alta la qualità dell’esperienza per tutti i soggetti coinvolti Google ha indicato delle norme molto stringenti per gli editori ( si possono leggere qui: https://support.google.com/adsense/answer/48182?hl=it ) e si è riservata la possibilità di “togliere l’accesso al servizio” nel caso di violazioni accertate.

La politica di sospensione o peggio la rimozione – in inglese, BAN e da qui, l’espressione BANNATI – dal servizio è molto rigida ed una volta sospesi, salvo eventi eccezionali, non è più possibile accedervi, anche a distanza di anni (è per questo che si parla di BAN permanente).

Questa politica molto rigida contribuisce ad assicurare agli inserzionisti che gli editori che mettono i propri spazi pubblicitari a disposizione sono molto attenti al rispetto delle regole, a vantaggio di tutti i soggetti coinvolti.

Torna all'elenco delle F.A.Q.